LA COLOMBA FATTA CON IL BROWNIES

Pubblicato: aprile 7, 2012 in cucina

In ogni negozio da parecchi giorni sfilano in bella mostra centinaia e centinaia di dolci tipicamente pasquali, quelli che mi colpiscono di più sono le colombe che ormai sono sempre più un intruglio di creme varie (in alcune solo il profumo delle stesse). Vengono comprate e come sempre gironzolano per casa per settimane fino a quando, ormai sfatte, finiscono nel secchio della spazzatura.

Per ovviare a questo inconveniente io la colomba la preparo a modo mio.

Ho ritrovato in un cassetto la ricetta per il brownies, un dolce facilissimo da preparare, che io ho trasformato nella colomba semplicemente utilizzando  quelle teglie usa e getta a forma di colomba (in commercio se ne trovano di tutti i tipi).

INGREDIENTI:

-675 grammi di zucchero
-360 grammi di cioccolata fondente al 70%
-270 grammi di burro
-6 uova
-150 grammi di noci sgusciate

mettere il cioccolato spezzettato  a sciogliere insieme al burro a bagnomaria o se preferite nel microonde, dopo averlo fatto raffreddare un poco aggiungere le uova una alla volta e amalgamare con una frusta, aggiungere lo zucchero, la farina e le noci leggermente tritate; una volta amalgamato l’impasto mettere nella teglia e cuocere a 180° per trenta minuti.

Volendo prima di infornare inserire sopra al dolce delle mandorle e della scagliette di cioccolato; e una volta sfornato prima che si freddi del tutto cospargere il dolce con delle codette di cioccolato.

Servire la “colomba” accompagnata da palline di gelato alla vaniglia o della panna montata.

Annunci

I MIRACOLI DELLA TAV

Pubblicato: marzo 3, 2012 in Uncategorized

Peccato, non mi ero accorta che la costruzione dell’alta velocità in Val di Susa fosse così strategica per l’avvenire dei poveri giovani italiani costretti da anni a subire questo sfacelo, nell’annientare il loro futuro dato in mano a nostalgici pieni di frustrazioni post ventennio, da individui senza scrupoli che  negli ultimi quarant’anni hanno prodotto solo intrallazzatori e politici che quelli della cosiddetta prima repubblica erano delle educande. L’Italia ormai ridotta ad un bordello svende il futuro dei giovani al miglior protettore (a Roma si chiama pappone) vendendo a poco prezzo quel che rimane in nome della globalizzazione capitalistica, ahimè accettata e osannata da quella parte vecchia, marcia, moralista, bigotta, costruita da faccendieri senza scrupoli che in nome della produttività, del guadagno e della competizione ha trasformato la popolazione in robot il cui unico scopo è quello di vivere ubbidendo al loro volere senza se e senza ma.

Ma quello che mi ha fatto inorridire sono state le parole del presidente del consiglio italiano, che nella sua pacata e tranquillizzante conferenza stampa ha dichiarato che la costruzione della TAV è il toccasana unico e vero  per creare e risolvere la deriva del paese: darà ricchezza nella valle, azzererà la disoccupazione creando milioni di posti di lavoro, incrementerà il pil, e non di poco ridurrà il tempo di percorribilità di quella tratta e creerà una forte unione alle disposizioni europee con l’Italia (chi è che non è contento di passare ore ed ore per raggiungere il posto di lavoro nella propria città, ma in breve tempo può arrivare in Francia?). Che lui ascolterà con devozione tutti quelli che sono contrari e che dopo lunga ed accurata valutazione tutto rimarrà come prima, la TAV si farà e non tollererà manifestazioni atte alla violenza, altrimenti userà la linea dura (come se fino ad adesso fosse stato gentile!).

Quindi o si fa la TAV o si muore!

LUCIO DALLA UN UOMO DI “MARE”

Pubblicato: marzo 1, 2012 in Uncategorized

Te ne sei andato come hai vissuto, in silenzio e senza luci, come questo capolavoro che rimarrà sempre nel mio cuore.
ciao Lucio

TORTA DI AMARETTI E CIOCCOLATA

Pubblicato: febbraio 13, 2012 in cucina

Questa torta è semplice da preparare, deliziosa a qualunque ora e superba se accompagnata da un’ottima cioccolata calda per un pomeriggio uggioso davanti ad un buon film. Mi è stata regalata la ricetta da Sonia, amica di mia sorella che ne prepara sempre una per il compleanno di mia madre.

ingredienti:

4 uova, 125 gr. di farina, 150 gr di zucchero, 100 gr. di amaretti, 50 gr. di cioccolata fondente, 200 gr. di margarina.

In una ciotola unire i tuorli allo zucchero e montarli come per lo zabaione, unire la margarina sciolta nel microonde e la farina, incorporare le chiare  sbattute all’impasto a cui subito dopo unite gli amaretti e la cioccolata precedentemente tritati.

Imburrare e infarinare una tortiera da forno e cuocere a 150° per 30 minuti (come sempre il tempo è approssimativo dipende sempre dal forno).

A piacere, una volta tolta dal forno, cospargerci sopra dello zucchero a velo.

IL TEMPO DELLA NEVE

Pubblicato: febbraio 12, 2012 in Uncategorized

È arrivata la neve, siamo sommersi dalla neve, manca la corrente elettrica in alcune zone d’Italia, non si cammina per le principali strade cittadine e la gente fa scorte come in un periodo di carestia; chiudono le scuole e comincia la disperazione dei genitori dato che sono obbligati ad andare forzatamente a  lavorare (causa produttività) e quindi usano la scuola come baby sitter; disperati gli italiani vagano con le pale in mano e le catene ai piedi nel disperato tentativo di proseguire la frenetica vita cittadina che impone regole ed orari che non coincidono con il clima, che in barba alla frenesia umana si prende il suo tempo e ci mette in ginocchio. Se potesse l’uomo metterebbe regole anche per il tempo, proibendogli di arrivare nei giorni lavorativi, mai in prossimità delle festività natalizie (altrimenti non si spendono soldi per i doni), proibirebbe alla neve di cadere copiosa sui terreni di gioco delle partite di campionato (altrimenti verrebbero meno gli introiti sui diritti televisivi), non applicherebbe l’art. 18 licenziando le perturbazioni atmosferiche  senza giusta causa, farebbe nevicare a progetto ma solo nei paesi montani precettando la neve se esercita nei periodi di alta affluenza turistica, e creerebbe delle cooperative di Co.Co.Co. per istruire il personale alla spalatura del ponte sullo stretto di Messina, le case farmaceutiche farebbero a gara per creare lo sciroppo che, preso prima delle nevicate, toglie l’ansia da stress pre e post neve prevenendo la malsana voglia di restare in casa a godersi il calduccio e l’ozio che porterebbe il fisico ad oziare ancora creando spiacevoli assuefazioni ad esso.

INTERVALLO

Pubblicato: gennaio 14, 2012 in Uncategorized

Posto incantevole, un buon libro, buona compagnia e….

FABER… UN ALTRO ANNO È PASSATO

Pubblicato: gennaio 11, 2012 in Uncategorized

Come sempre non ci sono parole e se ci fossero sarebbero banali e retoriche.
Solo un ricordo per ricordarti sempre.

Grazie!